Messina: riconosciuto il ruolo sociale delle edicole. COSAP più bassa

Lo scorso 6 febbraio il Comune siciliano si è dotato di un nuovo Regolamento per la tassa per l’occupazione del suolo pubblico.

A seguito dell’annullamento per illegittimità da parte del Consiglio di giustizia amministrativa (Cga) per la Regione Sicilia, l’Amministrazione Comunale di Messina ha provveduto ad adottare uno nuovo Regolamento e lo SNAG non si è lasciato sfuggire l’occasione per rafforzare gli obiettivi raggiunti in precedenza. “È più di un anno che lo SNAG a Messina ha avviato con il Comune un percorso per rivedere i canoni della Cosap per le edicole. Primo risultato ottenuto è stata la Delibera di Giunta del 12 aprile 2018, con la quale la tassa è stata abbattuta del 40% – ricorda il Vicepresidente Nazionale SNAG, Renato Russo – Il vero risultato positivo per la categoria, così come ci eravamo ripromessi di ottenere, è arrivato con questo nuovo Regolamento. Possiamo affermare, con orgoglio, di aver ridotto ancor di più i canoni della Cosap per le edicole messinesi, di aver ottenuto l’esenzione della proiezione sul suolo pubblico per le tende e la possibilità di sanare, in forma collettiva, i contenziosi derivanti dall’applicazione dei canoni precedenti della Cosap, prevedendo anche la possibilità di rateizzare e ammortizzare le quote residue dovute dai rivenditori interessati”.

“L’abbattimento dei costi va dal 45% al 70% – ribadisce Russo – Importantissimo è stato aver ottenuto dal Comune di Messina una diversificazione tra i chioschi in generale (dedicati ad attività commerciali di somministrazione) e i “chioschi edicole” che, diversamente dagli altri, non svolgono una mera attività commerciale, ma operano garantendo la diffusione del diritto d’informazione a mezzo stampa e, quindi, svolgono un servizio di interesse generale”.