Consegne a domicilio da parte di un collega di un altro Comune

Buongiorno,
ho un’edicola in un Comune di circa 5.000 abitanti e un edicolante del Comune limitrofo viene a fare le consegne al mattino ad alcuni bar e attività nel territorio comunale dove opero.

Quindi svolge attività di vendita di giornali in Comune dove non ha l’autorizzazione per farlo.
Secondo quanto mi risulta la Legge in merito è chiara: la vendita dei giornali, anche in forma ambulante e a domicilio, può essere svolta solo nell’ambito del Comune dove si ha l’autorizzazione.
Vi chiedo un parere ed eventualmente come comportarmi e segnalare la vicenda alle autorità competenti?
Grazie anticipatamente.
A.P. – Provincia di Teramo

Gentile lettore,

è vero che l’autorizzazione e/o la Scia vincolano l’attività di vendita del prodotto editoriale nel territorio del Comune ove l’autorizzazione è stata rilasciata o la Scia è stata presentata, ma è altrettanto vero che, ai sensi dell’Art. 3 comma 1 lettera e) del D. Lgs. n. 170/01, per la vendita porta a porta e per la vendita ambulante da parte degli Editori, Distributori ed edicolanti, non è necessaria alcuna autorizzazione.