Venezia: solidarietà ai rivenditori colpiti dall’acqua alta

Nella notte tra il 12 e il 13 novembre Venezia è stata messa in ginocchio da una violenta mareggiata con venti a 100 km/h. L’acqua alta ha raggiunto il livello più alto dall’alluvione del 1966 e ha provocato gravi danni alla città colpendo anche tre edicole.

Fra queste lo storico chiosco in Fondamenta delle Zattere, punto di riferimento per i turisti, ma soprattutto per i veneziani, spazzato via dalla marea.

Lo SNAG ha manifestato immediatamente la sua solidarietà a tutti i cittadini di Venezia colpiti direttamente dal fenomeno dell’acqua alta ed in particolare ai rivenditori di giornali e riviste che hanno riportato gravi danni alle proprie strutture.

La Presidenza ha perciò deciso di stanziare un contributo economico a favore dei colleghi edicolanti del Centro storico del capoluogo veneto dando, così, un segnale di aiuto concreto affinché possano al più presto tornare alla loro normalità lavorativa.