Eliminate le sanzioni per mancata accettazione di pagamenti con il POS

Nel corso dell’iter di conversione del Decreto Fiscale è stato eliminato l’Art. 23 che prevedeva le sanzioni per i commercianti al dettaglio titolari di partita IVA che rifiutavano un pagamento elettronico.

Non è più prevista alcuna sanzione in caso di rifiuto, da parte dell’esercente, di pagamento tramite il POS.

Il meccanismo sanzionatorio, che sarebbe dovuto partire dal 1° luglio 2020, è quindi venuto meno.

Rimane comunque presente il credito di imposta previsto dall’Art. 22 che dal 1° luglio 2020 introduce in favore degli esercenti attività di impresa un credito d’imposta pari al 30% delle commissioni addebitate per transazioni effettuate con carte di pagamento e mediante altri strumenti di pagamento elettronici tracciabili.

Anche tale misura è importante perché consente un recupero sulle commissioni attraverso l’agevolazione fiscale.

Vi aggiorneremo a breve nel dettaglio sul testo definitivo approvato del Decreto Fiscale.