Rese respinte

Salve,
il mio Distributore Locale respinge sistematicamente tutti i numeri precedenti dei periodici, sia mensili che settimanali, motivandolo come “resa fuori bolla”.

È lecito? I numeri precedenti non vanno accettati obbligatoriamente per Accordo Nazionale? Ogni dimenticanza viene così pagata dalla rete di vendita.
Distinti saluti.
M.R. − Taranto

Gentile edicolante,
l’Art. 10 dell’Accordo Nazionale fissa le condizioni ed i presupposti alla luce dei quali è possibile la resa nei casi da lei esposti. La norma, ad essere precisi, prevede testualmente che “residui di copie eventualmente dimenticate e non restituite per errore al momento del loro richiamo in resa saranno accettate eccezionalmente, e nel caso in cui non siano intervenuti più richiami resa, solo con il numero successivo”.

Poiché viene indicato che tale tipo di resa sarà accettata “eccezionalmente”, nell’ipotesi in cui il Distributore Locale non accettasse la resa di prodotti editoriali eventualmente “dimenticati” lei ha comunque la facoltà di adottare la procedura per il macero delle pubblicazioni che viene descritta sul nostro sito www.snagnazionale.it sotto la voce “Documenti”.