Firenze: Cosap ridotto del 70% fino al 2022

Agevolazioni per altri tre anni sul canone di occupazione del suolo pubblico per le edicole del capoluogo toscano.

Per il prossimo triennio 2020-2022, il Comune di Firenze ha confermato lo sgravio fiscale sul canone di occupazione spazi e aree pubbliche (Cosap) per sostenere la ripresa della vendita di giornali e favorire il settore delle edicole in periodo di crisi.

Rinnovati, quindi, gli sgravi Cosap del 70% rispetto alle aliquote del 2017 per i chioschi/edicola di tutta la città, ma con importanti novità.

“Si è deciso di confermare questa misura anche per le annualità dal 2020 al 2022 applicando i medesimi coefficienti moltiplicatori Cosap dell’anno 2019, che prevedevano il 70% di riduzione rispetto alle ultime aliquote approvate del 2017 – ha spiegato l’Assessore al Commercio e al Bilancio del Comune di Firenze, Federico Gianassi –. Uno sforzo che come Comune continuiamo a fare per sostenere le edicole abbattendo i costi fissi a carico dei rivenditori di giornali. Le edicole sono i primi luoghi dove i cittadini possono comprare quotidiani e riviste, informarsi, e a Firenze svolgono anche la funzione di servizi anagrafici decentrati per il rilascio di certificati, oltre a vendere alcune tipologie di biglietti (per esempio per gli spettacoli del Maggio Musicale e per le partite di calcio della Fiorentina, ndr)”.

L’applicazione degli sgravi è ora vincolata al fatto che la superficie espositiva di vendita di prodotti editoriali (riviste, quotidiani e periodici) risulti prevalente rispetto a prodotti di altro genere e che il contribuente sia in regola con i pagamenti pregressi del canone. Sarà inoltre esente, nel 2020, il canone per l’occupazione del suolo pubblico (Cosap) delle “civette” (locandine) davanti alle edicole.