In Austria giornali nelle sacche, ma vendita poco sicura

Un sistema, quello di inserire i giornali in sacche, introdotto soprattutto nel fine settimana in molte città austriache e anche in Germania ma che, oltre a spersonalizzare il rapporto con l’edicolante, non fornisce certo molte garanzie.

In Austria il panorama editoriale è sicuramente molto interessante. Da una parte il numero di giornali importanti e a tiratura nazionale è sempre stato molto limitato, mentre sono molto letti i quotidiani regionali. La carta stampata è tra l’altro sempre stata un mezzo di informazione tra i più importanti in questa nazione.

Un’altra caratteristica nella diffusione di stampa è che la domenica molti quotidiani non vengono pubblicati. Questa fu una scelta anche storica perché nel 1962 i giornalai decisero di tenere chiuso la domenica e quindi tanti quotidiani rimasero senza un punto vendita per le loro pubblicazioni.

Da questa situazione nacque in Austria l’idea dei cosiddetti “sacchetti portagiornali” (“Sonntagsstandl”), dove nel fine settimana è possibile acquistare i quotidiani che vengono pubblicati inserendo il denaro in piccole cassette. Li abbiamo visti e provati direttamente passeggiando per Salisburgo.
Ecco però, come si può vedere nella foto qui a fianco, che si trovano “sacche” tagliate sebbene siano realizzate con materiale plastico che dovrebbe garantirne la sicurezza. A quel punto i quotidiani diventano di fatto dei giornali “free press”. E così ogni passante può liberamente prendere una copia senza pagarla. Quello dei sacchi è un sistema nato per consentire la diffusione della stampa nel fine settimana, e attuato anche in alcune zone montane dell’Alto Adige in località dove non sono presenti, in certe valli, dei punti vendita di giornali o non sono aperti quotidianamente. Per garantire che il diritto all’informazione e alla sicurezza avvenga regolarmente, meglio quindi, anche nell’interesse degli Editori, pensare di poter acquistare direttamente in queste zone isolate quotidiani e riviste in punti vendita non esclusivi, riferimento per gli abitanti e i turisti.