Vai all’inferno, Dante!

Luigi Garlando, storica firma de La Gazzetta dello Sport, dà vita a un romanzo pirotecnico dove, a colpi di endecasillabi e battaglie reali, un adolescente di oggi dovrà vedersela con il “maestro” Dante Alighieri.

A Firenze c’è una sontuosa villa cinquecentesca, la Gagliarda, residenza dei Guidobaldi e sede dell’impresa di famiglia. È lì che vive il 14enne Vasco, un bullo impenitente abituato a maltrattare professori, compagni e famigliari. Se i suoi risultati scolastici non sono certo brillanti è imbattibile a Fortnite, progetta di diventare un gamer professionista e ha già migliaia di follower. Vasco è così, sa di essere in credito con la vita e di avere diritto a tutto. Finché un giorno, a sorpresa, viene battuto da un avversario che si fa chiamare Dante e indossa il classico copricapo del Poeta. “Oh Guidobaldi, becca Montaperti! Or mi conoscerai, vil ghibellino. Ben ti convien tenere gli occhi aperti” chatta il misterioso giocatore. Ma chi è? E perché parla in versi? Appena può, Vasco torna in postazione e cerca la rivincita per cercare di umiliarlo, senza sapere che la più esaltante e rivoluzionaria sfida della sua vita è appena cominciata.

Rizzoli
Pp. 512

Euro 17,00