Reggio Calabria: il Comune pronto ad ampliare l’offerta commerciale delle edicole

Seguendo l’esempio di altre amministrazioni italiane, anche nel capoluogo calabro si lavora, in collaborazione con lo SNAG di Reggio Calabria, per affiancare alla vendita di giornali sempre più servizi.

“Ci siamo incontrati con l’assessore alle Attività Produttive Saverio Anghelone per discutere di quest’importante provvedimento per il futuro dei rivenditori di giornali – spiega il Presidente dello SNAG Provinciale Reggio Calabria Natale Scappatura (nella foto a sinistra) –. Il tema è stato affrontato in Giunta comunale e l’iter sta proseguendo. Sostenere la nostra attività, allargandone l’offerta merceologica, permettendoci di svolgere un ruolo attivo anche per il Comune, con servizi anagrafici presso le nostre edicole, ma anche la possibilità di esporre pubblicità con monitor, inserire distributori automatici di bevande e poter vendere pastigliaggi, prodotti alimentari preconfezionati, darebbe e tutti noi la possibilità di incrementare i ricavi quotidiani in questo difficile momento”.

Bisognerà affrontare alcuni passaggi burocratici, ma l’amministrazione comunale sta proseguendo celermente in questo iter. “Mi preme prima di tutto ringraziare ancora una volta tutti gli edicolanti che sono rimasti sempre aperti nei mesi di lockdown assicurando un servizio civile per la società – sottolinea l’assessore Anghelone (nella foto a destra) -. Come amministratori di Reggio Calabria siamo consapevoli della crisi del settore carta stampata e per aiutare gli edicolanti è necessario introdurre per loro la possibilità di offrire più servizi al pubblico. Il futuro che pensiamo per queste rivendite è la loro trasformazione in edicole hub, multiservizi, in cui oltre ai giornali fornire altri prodotti al pubblico. Ne abbiamo parlato già negli incontri con i rappresentanti locali dello SNAG. La proposta che sto portando avanti è quella – conclude l’assessore alle attività produttive del Comune di Reggio Calabria – di installare nelle edicole pannelli pubblicitari, inserire distributori automatici per vendere prodotti alimentari preconfezionati, consentire alle edicole di essere punto di riferimento per l’emissione di servizi anagrafici del Comune e di pagamento di bollettini. Per fare questo bisogna modificare il regolamento comunale e stiamo lavorando per farlo nei tempi più brevi possibili”.