Con la doppia distribuzione estratti conto più alti e rese respinte

Buongiorno,
volevo chiedervi dei chiarimenti riguardo le regole che non coincidono tra un Distributore e l’altro. Fino a poco fa avevo un unico Distributore Locale, la Diffusion Press, e durante l’emergenza Covid-19, sebbene non ci fossero incassi né clienti, non era stata diminuita la fornitura di giornali e riviste. Risultato: estratti conto da 2.000 euro a fronte di incassi da 600 euro. C’era stata data solamente la facoltà di restituire alcune riviste indicate in bolla e che normalmente dovevamo, invece, tenere per forza
Dal 1° giugno è diventato operativo nella mia zona anche un altro Distributore Locale, la Testa Dora, che non ha applicato le stesse regole distributive dell’altra agenzia. Le rese anticipate accettate da un Distributore sono respinte dall’altro. Inoltre sono aumentate le forniture da parte dalla Diffusion Press che si sommano a quelle nuove dell’agenzia Testa Dora, con la conseguenza che l’importo complessivo dei due estratti conto è diventato ampiamente superiore a quello che pagavo precedentemente.
Vi chiedo, perciò, se è giusto, anche dopo la fase acuta della pandemia, che mi vengano respinti prodotti che so già di non vendere e che, quindi, metto in resa immediata. Non ho intenzione di avere in negozio prodotti che al 99% sono invendibili in un paese come quello in cui ho l’edicola.
R.M. – Provincia di Napoli

Gentile Rivenditore,
a prescindere dagli avvicendamenti tra distributori, tutti devono rispettare le norme di Legge, che le riassumo: il distributore è tenuto a fornire il prodotto tenendo conto delle esigenze dei singoli punti vendita. In ogni caso, il nuovo art. 5, co. 1, lett. d-septies), d. lgs. n. 170/2001, letto in combinato disposto con l’art. 8 della l. n. 198/2016, consente a tutti gli edicolanti di rifiutare ovvero rendere anticipatamente ed in qualunque momento le pubblicazioni prive anche di uno solo dei seguenti requisiti:

  • mancata registrazione presso il Tribunale;
  • mancato rispetto delle norme di cui alla l. n. 47/48;
  • mancata stampa sul prodotto ed in posizione visibile dei seguenti elementi:

          a) data;
          b) periodicità effettiva;
          c) codice a barre;
          d) data di prima immissione nel mercato.

Inoltre, in virtù delle medesime disposizioni, anche le pubblicazioni che presentano tutti i predetti requisiti possono essere rifiutate o rese in qualunque momento, tutte le volte in cui risultino già essere state immesse sul mercato in precedenza.

Pertanto è obbligo delle imprese di distribuzione espressamente sancito al’art. 8, co. 2, l. n. 198/2016 quello di consentire agli edicolanti l’esercizio del diritto di non accettare o di rendere liberamente ed in ogni momento tutte le pubblicazioni che non presentino i requisiti previsti della legge.

Pertanto, le consiglio di rivolgersi alla struttura provinciale SNAG di Napoli, che potrà assisterla ed aiutarla in questa vicenda.