Conversione in Legge del DL 14 Agosto 2020 n. 104

La Camera ha approvato, nella seduta del 12 ottobre 2020, il disegno di Legge di conversione del D.L. 14 agosto 2020, n. 104, recante misure urgenti per il sostegno e il rilancio dell’economia, senza emendamenti rispetto al testo già approvato dal Senato.

Il provvedimento recepisce diverse importanti novità in ambito fiscale e conferma i provvedimenti già riportati nello scorso numero di Azienda Edicola.

Di seguito ricordiamo alcune delle principali nuove misure fiscali per il sostegno alle imprese e alle attività economiche e produttive previste dalla Legge di conversione che vi possono interessare.

SOGGETTI ISA – PROROGA DEI VERSAMENTI (Art. 98-bis)

I contribuenti che fanno parte delle seguenti tipologie:

– i soggetti che applicano gli ISA o che presentano cause di esclusione o di inapplicabilità dagli stessi;

– i contribuenti rientranti nel regime forfettario ex art. 1, commi da 54 a 89, della Legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge di Stabilità 2015);

– i soci di società di persone, associazioni di cui all’art. 5 del TUIR nonché di società che hanno optato per il regime di trasparenza fiscale ex artt. 115 e 116 del TUIR;

che hanno subìto una diminuzione del fatturato o dei corrispettivi di almeno il 33% nel primo semestre del 2020 rispetto allo stesso periodo dell’anno 2019, e non hanno effettuato – in tutto o in parte – i versamenti risultanti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA correlata agli ulteriori componenti positivi dichiarati per migliorare il profilo di affidabilità, nonché dalle dichiarazioni previste ai fini IRAP, possono, in presenza delle condizioni di cui sopra, regolarizzare tali versamenti, senza applicazione di sanzioni, entro il 30 ottobre 2020. In tal caso, si applica una maggiorazione dello 0,8 per cento delle imposte dovute.

AVVIO DI NUOVE IMPRESE DA PARTE DI UNDER 30 (Art. 61-bis)

È previsto un sostegno per l’avvio di imprese, in tutti i settori produttivi, dei servizi e delle professioni, dei giovani under 30 che intendono avviare un’attività d’impresa, di lavoro autonomo o professionale.

Le misure di attuazione sono stabilite con Decreto del Ministro dello Sviluppo Economico entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della Legge di conversione del presente Decreto.

INCENTIVI PER FAVORIRE L’UTILIZZO DEI PAGAMENTI ELETTRONICI (Art. 73)

Con l’obiettivo di incentivare l’utilizzo di strumenti di pagamento elettronici, l’art. 1, commi 288-290, della Legge di Bilancio 2020 (Legge 27 dicembre 2019, n. 160) aveva introdotto una norma che riconosce un rimborso in denaro alle persone fisiche maggiorenni residenti in Italia che, fuori dall’esercizio di attività d’impresa, arte o professione, effettuano abitualmente acquisti con strumenti di pagamento elettronici da soggetti che svolgono attività di vendita di beni e di prestazione di servizi.

Ora, il presente Decreto affida a un Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze l’emanazione delle condizioni e delle modalità attuative di tali disposizioni, incluse le forme di adesione volontaria e i criteri per l’attribuzione del rimborso, anche in relazione ai volumi e alla frequenza degli acquisti, nonché degli strumenti di pagamento elettronici e delle attività rilevanti ai fini dell’attribuzione del rimborso.

VOUCHER PER L’ACQUISTO DI SERVIZI TERMALI (Art. 29)

Viene istituito un fondo presso il MiSE con una dotazione di 20 milioni di euro per il 2020 e 18 milioni per il 2021, destinato alla concessione, fino all’esaurimento delle risorse, di buoni per l’acquisto di servizi termali. I buoni non sono cedibili, non costituiscono reddito imponibile del beneficiario e non rilevano ai fini del computo del valore dell’indicatore della situazione economica equivalente. I criteri e le modalità attuative del beneficio saranno stabiliti con un Decreto attuativo.

Per qualsiasi informazione e ulteriori chiarimenti al riguardo, ogni rivenditore di giornali potrà, quindi, entrare nel merito della propria singola situazione rivolgendosi al proprio Commercialista.