Anche in Lombardia lo SNAG cerca una strada comune con l’ANCI per portare i servizi comunali nelle edicole

L’obiettivo è di far diventare le rivendite di giornali sempre più punto di riferimento sul territorio per il rilascio delle certificazioni anagrafiche e per i servizi dei Comuni lombardi.

“Nel periodo del lockdown le edicole sono state chiamate a svolgere un lavoro importante, per la divulgazione di un’informazione costante e condivisa. Per la loro particolare ramificazione commerciale sul territorio, sono state anche punto di riferimento per alcuni servizi alla cittadinanza – ha spiegato all’ANCI Lombardia il Vicepresidente Nazionale SNAG Carlo Monguzzi –. SNAG e ANCI devono studiare insieme anche in Lombardia nuove modalità operative, facendo divenire le edicole del nostro territorio punto di riferimento per le certificazioni e i servizi comunali. Dobbiamo cercare una politica condivisa e una pianificazione più minuziosa che ANCI potrebbe svolgere rivolgendosi alle Amministrazioni locali insieme a noi come SNAG”.

L’obiettivo è rilanciare, in sintonia con i vari organismi amministrativi, il ruolo e l’attività che le edicole svolgono sia come riferimento dell’informazione che come punto di interesse generale.

“Il ruolo delle edicole come “punti servizio” delle Amministrazioni Comunali può essere importante sia per la nostra categoria che per i Comuni di tutta la Lombardia”, ha concluso Monguzzi, che nelle scorse settimane ha svolto incontri sul territorio per introdurre il rilascio di certificati nelle rivendite nei Comuni di Monza, Vimercate e anche nel confinante Piemonte, a Novara.