Il ritorno in edicola dei fotoromanzi

Dopo il rilancio di Sogno, storico settimanale tornato in edicola a fine luglio, Sprea Editori continua a riproporre le vecchie storie delle riviste che fecero appassionare milioni di lettori nel dopoguerra.

Per la gioia dei nostalgici del genere, il 6 novembre scorso ha debuttato il nuovo Jacques Douglas, fotoromanzo mensile di spionaggio a colori. Per la sua prima uscita l’editore si è impegnato a riconoscere alla rete vendita un ulteriore sconto del 5%, oltre al consueto sconto supplementare del 5% sulla base del prezzo defiscalizzato di cessione al pubblico, previsto dall’art. 8 dell’Accordo Nazionale. Pertanto, in estratto conto, i rivenditori hanno beneficato dello sconto del 29% anziché del 19%, ben dieci punti percentuali in più. Un segnale di attenzione per le rivendite particolarmente apprezzato in questo difficile momento di crisi.

L’idea dell’editore Mario Sprea – uno dei più prolifici autori italiani di fotoromanzi nonché sceneggiatore ventennale della storica casa editrice di fotoromanzi e fumetti Lancio ed ex direttore di Grand Hotel – è di riavvicinare i lettori a quello che fu un fenomeno di costume di successo, che con riviste interamente a colori portò a una vendita a metà degli anni ’70 addirittura di 8 milioni di copie.

E così il fotoromanzo, un genere nato in Italia e poi esportato nel resto del mondo, torna ad avere un posto privilegiato in edicola con un’offerta ancora più ricca: dopo Sogno e Jacques Douglas, Sprea Editori presenterà ogni mese anche Lancio Kolossal.