L’effetto Covid pesa sugli ultimi dati Audipress

Sono stati pubblicati i dati Audipress 2020/II relativi alla lettura della stampa quotidiana e periodica in Italia, che monitora in maniera continuativa le abitudini di lettura e la fruizione delle più importanti testate.

 

Nello scenario del consumo dei principali brand editoriali su carta o digitale, così come pubblicato dalla ricerca, la stampa coinvolge ogni mese più di 36 milioni di italiani e circa 2,2 milioni risultano i lettori di digital edition. Come prevedibile, si fa sentire l’effetto Covid, con letture complessive in calo del 3,3%. Pagano maggiormente i quotidiani, con un calo dell’8,3%, mentre i settimanali e i mensili limitano la flessione rispettivamente a -3,1% e -2,9%. In netta crescita, invece, il numero di lettori di copie digitali: +31,1% a parità di testate, con incrementi importanti sia per i quotidiani (+23,9%) sia per i periodici, (+77,5%).

L’indagine rileva che in un giorno medio più di 1 italiano su 4 (13.671.000 lettori, con quasi 20 milioni di letture) accede all’informazione attraverso la lettura di uno dei principali quotidiani su carta o digitale replica, con circa il 65% a frequenza alta, ovvero un consumo regolare del giornale. Per quanto riguarda i periodici, ogni settimana si raggiungono circa 17,5 milioni di letture per le più importanti testate settimanali (con 10.977.000 lettori, cioè il 20,7% degli adulti + 14 anni) e ogni mese si raggiungono circa 16,5 milioni di letture per le maggiori testate mensili (per 10.225.000 lettori, il 19,3% degli italiani).

Cosa ancora più importante, dall’indagine emerge un crescente riconoscimento del valore della stampa di qualità. I dati sulla fonte di provenienza della copia indicano infatti un aumento, sia per i quotidiani sia per i periodici, della lettura di copie comprate e in abbonamento.

Siamo dunque di fronte a uno zoccolo duro di lettori che va consolidato e da cui ripartire attraverso specifiche misure a sostegno della lettura e quindi dell’Editoria, che continua ad avere sempre più nell’edicola un punto cardine per la vendita e diffusione di giornali.

I nuovi dati Audipress emergono da un campione di 30.063 interviste, rappresentativo della popolazione italiana di 14 anni e oltre, realizzate lungo un calendario di rilevazione di 34 settimane complessive, dal 9 settembre 2019 al 6 ottobre 2020 (con oltre alla sospensione tradizionale nel periodo natalizio 2019 e nel gennaio 2020 e quella parziale estiva nell’agosto 2020, anche quella straordinaria per emergenza Covid-19 dall’11 marzo al 24 maggio 2020 e una parziale interruzione estiva nell’agosto 2020).