Come si calcola l’aggio?

Mia moglie ha appena aperto una nuova edicola, ma non riusciamo a capire come calcolare l’aggio. In internet troviamo varie percentuali e non riusciamo a identificare quale sia quella esatta. E soprattutto è vero che va calcolato sul totale venduto settimanale?
Cordiali saluti.
A.O. – Provincia di Milano

I giornalai sono abituati a ragionare sulle percentuali di sconto indicate nell’Accordo Nazionale dove nell’art. 8 (Remunerazione per l’attività di vendita) che potete trovare e consultare sul sito www.snagnazionale.it dove viene indicato che la remunerazione è effettuata in misura percentuale con i seguenti sconti 19%, 24%, 29% sulla base del prezzo defiscalizzato di cessione al pubblico.

I guadagni devono, però, essere ricavati dal prezzo netto al rivenditore del prodotto editoriale, desumibili dagli estratti conto settimanali; gli uffici finanziari valutano che su questi bisogna applicare il 23,11% sul totale venduto, il risultato ottenuto costituisce il guadagno settimanale.

Esempio matematico su un prodotto del costo di copertina di € 1,00, lo troverete indicato in bolla di consegna con il prezzo netto di € 0,81228 (19% sulla base del prezzo defiscalizzato di cessione al pubblico); se lo stesso prodotto lo valutate coi parametri usati dagli uffici finanziari, il prezzo netto di € 0,81228, lo moltiplichiamo per 23,11% e otteniamo € 0,18772 che è il nostro margine di guadagno, per controllo sommiamo i due valori 0,81228 (prezzo al rivenditore) + 0,18772 (23,11% sul prezzo netto al rivenditore) e otteniamo il prezzo di vendita di € 1,00.