La valle al centro del mondo

Il romanzo d’esordio del giornalista e cantautore Malachy Tallack. Un racconto sul ritorno alla terra, al lavoro manuale e all’immersione nella natura, che si rivela però un’antagonista spietata. Traduzione di Andrea Morstabilini.

La valle al centro del mondo è il racconto di una piccola comunità che deve fare i conti con il tempo che passa. Pecore e terra, vento e gelo, legami antichi e un modo di vivere sempre uguale, che sfida il passare del tempo. Queste sono le isole Shetland. Per David, che ci è nato e ha ereditato dal padre e dal nonno una fattoria, le Shetland rappresentano la sola vita concepibile, condivisa in ogni momento con la moglie Mary. Per Alice, giallista di successo, sono il rifugio dopo la morte prematura del marito amatissimo. Per Sandy, il nuovo arrivato, la sfida e un nuovo progetto di vita. Disordine e dolore irrompono nelle esistenze sobrie e severe degli isolani, attratti dalla presenza magnetica di Terry, alcolista di lungo corso, e dall’arrivo di Ryan e Jo, giovane coppia cittadina molto fuori posto; mentre Alice si impegna nella scrittura di un manuale di storia locale per cercare di uscire dal suo lutto, si rende infine conto che non è possibile sperare di comprendere un’isola, per quanto piccola o limitata possa sembrare, perché non c’è isola e non c’è persona che si possa definire fino in fondo.

Bompiani
Pp. 432
Euro 20,00