Scade il 28 febbraio il termine per presentare la domanda per il bonus edicola

Per chi non l’avesse già fatto, c’è ancora tempo fino alle ore 10 del prossimo 28 febbraio 2021 per presentare la richiesta per ottenere il contributo a fondo perduto a sostegno delle edicole esclusive adottato dal Governo, che ha riconosciuto la funzione essenziale svolta dalle rivendite di giornali recependo una precisa richiesta dello SNAG che chiedeva di estendere fino al 2021 il bonus edicola e aumentando l’importo fino a 1.000 euro.

La procedura per richiedere il bonus è identica a quella già effettuata ad ottobre 2020, e prevede quindi la presentazione dell’istanza diretta al Dipartimento per l’Informazione e l’Editoria della Presidenza del Consiglio dei ministri esclusivamente in via informatica, tramite l’accesso al portale www.impresainungiorno.gov.it.

Chi può richiederlo?

Il contributo è riconosciuto alle persone fisiche, non titolari di redditi da lavoro dipendente, che esercitano l’attività di rivendita esclusiva, in forma di impresa individuale. Sono quindi ricompresi anche coloro che percepiscono un reddito da pensione. Sono ammessi anche i titolari di società di persone (es. s.n.c. o s.a.s.) in quanto può presentare la domanda il socio titolare dell’attività di rivendita di giornali nell’ambito di società di persone.

In generale, la rivendita esclusiva di giornali e riviste deve possedere:

  • indicazione nel registro delle imprese del codice di classificazione ATECO 47.62.10 quale codice di attività primario;
  • sede legale in uno Stato dell’Unione Europea o nello Spazio Economico Europeo.

Per guidarVi nella presentazione della domanda, lo SNAG ha realizzato un video tutorial che potete visionare cliccando qui sotto dove vengono simulati i singoli passaggi da eseguire per richiedere il bonus.