La pandemia riduce la lettura “condivisa” del giornale

È quanto emerge dall’edizione Audipress 2020/III, la rilevazione condotta in un anno difficile per l’emergenza sanitaria nazionale e di grande trasformazione dei comportamenti e della socialità.

“In questo contesto di adattamento a nuove regole e abitudini, vediamo dati in forte crescita per la lettura di digital edition (+42,2% per i quotidiani, +56,8% per i settimanali e +64,6% per i mensili), effetto di un’evoluzione profonda che ha coinvolto tutti i segmenti di audience e che risponde a un bisogno reale e continuo di attingere a fonti qualificate e verificate – ha spiegato il Presidente Audipress Ernesto Mauri –. L’isolamento sociale e imponenti limitazioni alla normalità della vita quotidiana hanno spinto verso una maggior fruizione del digitale e verso una lettura più circoscritta all’ambito personale e familiare, anche con un’amplificazione della copia comprata personalmente o in abbonamento, mentre la lettura più condivisa e legata agli aspetti relazionali ha subito necessariamente gli effetti delle nuove disposizioni”. Tra queste le limitazioni alla fruizione di giornali disponibili per una “lettura gratuita” al bar, per altro molti di questi esercizi rimasti chiusi durante il lockdown e/o frequentabili, successivamente, solo per l’asporto.

SETTE ITALIANI SU DIECI LEGGONO OGNI GIORNI UNA COPIA DI UN QUOTIDIANO

Secondo dati Audipress 2020/III 34,3 milioni di italiani (con più di 14 anni), quasi 7 individui su 10, hanno letto almeno uno dei principali titoli stampa su carta o digitale replica negli ultimi 30 giorni di cui 3,2 milioni di lettori del formato digitale (+46,8% rispetto alla precedente edizione). Ogni giorno, quindi, il 23,7% degli italiani (12.568.000 lettori) sceglie almeno un quotidiano come strumento di aggiornamento e approfondimento, generando un volume di oltre 18milioni di letture.

SETTIMANALI E MENSILI

Ogni settimana le più importanti testate settimanali raggiungono circa 16,3 milioni di letture (per 10.401.000 lettori, il 19,6% della popolazione di riferimento) e ogni mese più di 16 milioni di letture delle maggiori testate mensili soddisfano la pluralità di interessi di quasi 1 italiano su 5 (9.731.000 lettori).

COMPORTAMENTI DI LETTURA

Dall’ultima rilevazione Audipress 2020/III la frequenza di lettura abitudinali di un quotidiano è alta per il 64% per un quotidiano (da 4 a 7 giorni), del 46,1% per un settimanale (da 9 a 12 copie in 3 mesi) e del 29,1% per un mensile (da 9 a 12 numeri). Per quanto riguarda la copia è, poi comprata direttamente dal lettore, o dai propri familiari, per il 47,5% per i quotidiani, per il 60,7% per i settimanali e per il 54,2% per i mensili.