domenica, 25 Ottobre 2020

Con il nuovo Distributore Locale problemi di rifornimenti

Buongiorno, ho da pochi mesi un nuovo Distributore Locale, l’agenzia Testa Dora srl, che mi ha proposto di iscrivermi gratuitamente per un mese di prova al portale i2.zero. Un servizio che, poi, avrei pagato 15 euro al mese e che il Distributore proponeva decantandone le qualità (utilizzabile per tarare le forniture e conoscerne in anticipo le quantità per ogni prodotto editoriale che mi sarebbe arrivato in edicola). Nonostante nel mese di prova abbia provato a variare le quantità fornite secondo le mie esigenze, il risultato era ben diverso: non ricevevo quello che mi serviva e ricevevo prodotti che non vendevo. Poi con l’estate, come ogni anno, Tv Sorrisi e canzoni ha proposto borse termiche allegate al giornale. Se il precedente Distributore Locale, la Diffusion Press, mi forniva adeguatamente questi prodotti editoriali con il gadget, quest’anno, invece, non ne ho avuta neanche una copia. Che logica operativa ha quest’agenzia? Fornisce le precedenti edicole che distribuiva e ignora le nuove acquisite? Vi sembra corretto questo comportamento? E.V. – Provincia di Avellino

Con la doppia distribuzione estratti conto più alti e rese respinte

Buongiorno, volevo chiedervi dei chiarimenti riguardo le regole che non coincidono tra un Distributore e l'altro. Fino a poco fa avevo un unico Distributore Locale, la Diffusion Press, e durante l’emergenza Covid-19, sebbene non ci fossero incassi né clienti, non era stata diminuita la fornitura di giornali e riviste. Risultato: estratti conto da 2.000 euro a fronte di incassi da 600 euro. C’era stata data solamente la facoltà di restituire alcune riviste indicate in bolla e che normalmente dovevamo, invece, tenere per forza. Dal 1° giugno è diventato operativo nella mia zona anche un altro Distributore Locale, la Testa Dora, che non ha applicato le stesse regole distributive dell’altra agenzia.  Le rese anticipate accettate da un Distributore sono respinte dall’altro. Inoltre sono aumentate le forniture da parte dalla Diffusion Press che si sommano a quelle nuove dell’agenzia Testa Dora, con la conseguenza che l’importo complessivo dei due estratti conto è diventato ampiamente superiore a quello che pagavo precedentemente. Vi chiedo, perciò, se è giusto, anche dopo la fase acuta della pandemia, che mi vengano respinti prodotti che so già di non vendere e che, quindi, metto in resa immediata. Non ho intenzione di avere in negozio prodotti che al 99% sono invendibili in un paese come quello in cui ho l’edicola. R.M. – Provincia di Napoli

Consegne con l’edicola chiusa e rischio furti

Buongiorno, quando il mio Distributore Locale trova l’edicola chiusa, scarica e lascia l’intera fornitura quotidiana incustodita davanti alla mia rivendita e se ne va. Può farlo? Come mi devo comportare in caso di furto? Non dovrebbe consegnare sempre alla stessa ora? A volte anticipa, a volte ritarda e quando anticipa molto l’orario di consegna aumenta il rischio che i prodotti editoriali consegnatimi possano essere rubati. Vi ringrazio anticipatamente per le risposte ai miei quesiti. R.M. – Taranto

Sospensione fornitura causata da errore Distributore Locale durante pandemia

Buongiorno, a metà marzo ho iniziato le chiusure per pandemia, comunicavo alle varie agenzie di distribuzione locale che mi forniscono che nei giorni di sabato e domenica, essendo io in un centro commerciale, sarei dovuto restare chiuso. Ho anche allegato documentazione comprovante il fatto. Una di queste agenzie di distribuzione mi ha considerato in chiusura completa emettendo una bolla di resa totale. Ho cercato di chiarire il fatto con l’agenzia e un loro responsabile si è scusato per l’accaduto. Tutto risolto? No. Nel primo estratto conto di maggio, mi trovo addebitata la somma di circa 4500 euro. Dietro nuova richiesta di chiarimento all’agenzia mi viene risposto che la loro precedente comunicazione era stata errata e che, nel frattempo, avevo ricevuto estratti conto bassi perché i prodotti in conto deposito ritirati non erano stati conteggiati. La soluzione propostami era di pagare settimanalmente più del dovuto, così da far abbassare sempre più il totale del mio debito. Ma qualche giorno dopo vengo contattato da un’altra addetta del Distributore Locale perché l’agenzia chiedeva che tutto il debito fosse saldato immediatamente. Nel frattempo ero passato da un incasso giornaliero di 600/700 ad uno di 150/200 euro e spiegavo che stavo facendo il massimo per saldare il dovuto, chiedendo anche di pazientare perché l’errore contabile non era stato commesso da me. Risultato? Sono stato sospeso. Niente periodici, niente quotidiani, nessuna comunicazione. Ora, cosa posso fare? Sarei un po’ stanco di dover sempre pagare sulla mia pelle gli errori ed il pressappochismo del lavoro altrui. Grazie in anticipo. C.V. - Roma

Richiesta chiusura domenicale

Buongiorno, sono il titolare di un’edicola di Padova. Volevo sapere se c'è la possibilità di poter tenere chiuso per sempre il giorno di domenica. Grazie. G.A. - Padova

Trasformare l’edicola in distributore automatico di giornali e alimentari

Salve, volevo sapere se posso trasformare la mia edicola in distributore automatico di giornali e generi alimentari. Grazie D.S. – Roma

Nuovo Distributore Locale e nuovi problemi

Buongiorno, ho un nuovo Distributore Locale subentrato al precedente nelle forniture dei principali Editori (Mondadori, Gedi, Bonelli etc.) che mi ha invitato a compilare un questionario per capire i quantitativi di cui avevo bisogno per riviste, fumetti, ma poi non ne ha assolutamente tenuto conto. Anzi, mi fornisce di un numero spropositato di alcuni quotidiani dei quali in 20 anni di attività non ho mai venduto neppure una copia. Alla mia richiesta di diminuzione di fornitura, o in alcuni casi di non consegnarmi più giornali che costantemente gli rendevo in quanto invenduti, mi ha risposto di non poterlo fare. Come posso fare per avere una riduzione delle pubblicazioni di quotidiani che non vendo? E.V. – Provincia di Napoli

Ottenere il rimborso di un credito

Buongiorno, il mio Distributore Locale ha chiuso da un anno circa. Purtroppo, però, ad oggi avanzo da lui un rimborso di € 156 che non mi ha accreditato. Come posso fare per ricevere tale somma? D.A. - Manduria (Taranto)

Trasformare edicola da esclusiva a non esclusiva

Buongiorno, ho una tabaccheria-ricevitoria-edicola. Siccome la mia attività prevalente non è quella di edicola, vorrei sapere come e se posso procedere per trasformare la mia rivendita di giornali, che è attualmente esclusiva, in non esclusiva, in modo tale da poter vendere solo i quotidiani. Saluti. A.R. – Benevento

Comportamenti del Distributore Locale

Salve,
volevo chiederVi alcuni chiarimenti.
Un Distributore Locale può interrompere la fornitura di giornali all’edicolante ed eventualmente in quali circostanze può farlo? Oppure come unico mandatario per quella zona può farlo unilateralmente?
Un secondo chiarimento richiesto è quello legato alla richiesta dal Distributore di un assegno circolare, il cui importo è stabilito da lui stesso, come garanzia per i pagamenti
, altrimenti sospenderebbe le forniture all’edicola. È lecito? E, nel caso, ricevendo quest’assegno deve rilasciarmi una ricevuta o un documento?
Un’ultima domanda: se i pagamenti sono regolari, anche se il controllo tra rese e fornito è un “delirio”, l’agenzia può sospendere le forniture o è obbligata a farl
e regolarmente anche in caso di controversie?
Cordiali saluti.

L.M. – Bergamo

IN PRIMO PIANO

Novità Decreto Agosto  

Con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n. 203, S.O. n. 30, del 14 agosto 2020, è entrato in vigore il D.L. 14 agosto 2020, n. 104, noto come Decreto di “Agosto”. Sintetizziamo alcune delle principali misure fiscali varate con tale nuovo Decreto e che possono essere di vostro interesse.

Trento: una vita nell’edicola della stazione

Questi ultimi mesi hanno messo a dura prova moltissime attività commerciali, tra cui quelle delle rivendite di giornali. Gino Benatti, 53 anni, edicolante della stazione ferroviaria di Trento da quasi 35, che porta avanti una tradizione di famiglia, ci racconta la sua storia.

Dal 1° al 30 ottobre le domande per il Bonus una tantum edicole

Con la pubblicazione del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 3 agosto 2020, sono state emanate le disposizioni applicative in materia di contributo una tantum fino a 500 € a favore delle persone fisiche esercenti punti vendita esclusivi per la rivendita di giornali e riviste, non titolari di redditi da lavoro dipendente o pensione (articolo 189 del D.L. 19/05/20 n. 34, convertito con modificazioni dalla L. 17/07/20 n. 77).

ULTIMI ARTICOLI

L’illuminazione del susino selvatico

Il romanzo L’illuminazione del susino selvatico è stato scritto originariamente in iraniano per poi essere pubblicato nel 2017 in Australia, dove l’autrice Shokoofeh Azar vive dal 2011 come rifugiata politica.

Posso vendere giornali con distributore automatico nel Comune confinante al mio?

Buongiorno, vorrei chiedervi se è possibile rivendere i miei giornali anche nel comune confinante al mio, dove non è presente un’edicola, senza aprire un'altra rivendita, ma posizionando un distributore automatico di giornali. Grazie. S.G. – Pavia

La casa e gli amici a quattro zampe sono al centro della ripresa post...

Le riviste di Edizioni Morelli, da oltre 30 anni dedicate alla casa e alla sua evoluzione, sono ora al centro di grande interesse, anche considerando il Superbonus messo in campo dal governo che sta spingendo l’intero settore dell’edilizia.