Home Avvocati Astrid Dalla Rovere

Astrid Dalla Rovere

I PROFESSIONISTI
RISPONDONO

Avv. ASTRID DALLA ROVERE

Consegne a domicilio da parte di un collega di un altro Comune

Buongiorno,
ho un'edicola in un Comune di circa 5.000 abitanti e un edicolante del Comune limitrofo viene a fare le consegne al mattino ad alcuni bar e attività nel territorio comunale dove opero.
Quindi svolge attività di vendita di giornali in Comune dove non ha l'autorizzazione per farlo.
Secondo quanto mi risulta la Legge in merito è chiara: la vendita dei giornali, anche in forma ambulante e a domicilio, può essere svolta solo nell'ambito del Comune dove si ha l'autorizzazione.
Vi chiedo un parere ed eventualmente come comportarmi e segnalare la vicenda alle autorità competenti?
Grazie anticipatamente.
A.P. – Provincia di Teramo

Spostamento licenza tra Comuni diversi

Buongiorno,
da 11 anni ho la licenza di un’edicola. Vorrei sapere se questa licenza si può spostare dal Comune dove attualmente opero ad un Comune adiacente al mio.
E nel caso cosa dovrei fare per attuare questo spostamento?
Grazie mille.
F.B. – Montemarciano (Ancona)

Vendita prodotti Panini in cartoleria

Vorrei un chiarimento in merito all’attività di una cartoleria che dista 80 metri dal mio punto vendita che vende prodotti della Panini, figurine etc.
È autorizzata a farlo? Non penso.
Vi ringrazio anticipatamente per la vostra risposta.
E.T. – Cantù (Como)

Quasi 200 bar serviti a domicilio dallo stesso edicolante

Buongiorno, sono un’edicolante di Latina.
Vi segnalo quanto sta accadendo perché lo ritengo una concorrenza sleale da parte di un collega che si è inventato un metodo per sottrarre clienti a tutti noi altri rivenditori di giornali.

Sono mesi (se non anni) che quest’edicolante di Latina ha contattato dei bar (si dice che ne abbia ora come clienti quasi 200) offrendo loro un servizio a domicilio di consegna dei quotidiani.
Prima di iniziare qualsiasi azione nei suoi confronti, vorrei sapere se il suo comportamento è corretto o viola delle Leggi. 
Il Distributore Locale fa finta di niente, anche se non riesce a capire che aiutando quest’edicolante rischia di far chiudere anche quelle poche altre edicole rimaste aperte e da lui servite.
La ringrazio anticipatamente e la saluto cordialmente.
A.P. – Latina

Sospensione licenza in attesa di vendita

Buongiorno,
volevo sapere se, per motivi personali, è possibile richiedere al Comune per un anno la sospensione dell’attività.  Tra l’altro sono titolare dell′unica edicola del paese dove vivo e l’ho regolarmente acquistata, come anche il negozio dove opero, dal precedente proprietario. Decenni fa il Comune rilasciò la suddetta licenza come punto vendita esclusivo, ma nessuno è intenzionato a rilevare insieme sia licenza che negozio. Eventualmente gli unici interessati alla licenza sono i titolari di due bar, che quindi vorrebbero farlo in qualità di punto vendita non esclusivo.

Potrei vendere a uno di loro la mia licenza? Mi dicono che potrei, ma presentando una SCIA in Comune modificarla da punto vendita esclusivo a non esclusivo?
Se mi rilasciasse, invece, una sospensione temporanea, in attesa della vendita potrebbe il Comune rilasciarne un’altra per non lasciare scoperta la “piazza”?
Il punto vendita di giornali più vicino al mio paese è a 5 km di distanza, è un “non esclusivo” in un piccolo negozio di alimentari.
Grazie.
B.B. – Tuoro sul Trasimento (Perugia)

Cessione licenza

Ci siamo rivolti al Comune in cui operiamo in previsione di una cessione della nostra rivendita che si trova su suolo pubblico.
Alle nostre domande su come comportarci per l’eventuale vendita abbiamo ricevuto le seguenti risposte:

  • in caso di cessione di attività dobbiamo riconsegnare la licenza e liberare il suolo pubblico in cui operiamo;
  • lo spazio, sul quale oggi è presente la nostra edicola, sarà disponibile successivamente a chi interessato ma solo dopo un bando per la riassegnazione.

Se le cose stanno realmente cosi, significa che chi subentrerebbe alla nostra attività di edicolante non sarebbe messo in condizioni di operare immediatamente.
Non è possibile effettuare, invece,  un semplice cambio d’intestazione e il nuovo titolare, come subentrante, continuerebbe  l’attività su suolo pubblico in base al diritto acquisito?
Grazie del chiarimento.
S.F. - L’Aquila 

Vendita licenza: come comportarmi

Volevo sapere se è possibile chiudere la mia attività e cedere la licenza per la vendita di giornali a un bar limitrofo al mio chiosco.
Per quanto riguarda la chiusura dovrei io effettuare la resa conclusiva dei giornali in mio possesso al Distributore Locale e sarà, poi, la nuova titolare della licenza a dover prendere accordi con l’Agenzia per essere fornita di pubblicazioni?
M.M. - Cuneo

Astrid Dalla Rovere

Consegne a domicilio da parte di un collega di un altro Comune

Buongiorno,
ho un'edicola in un Comune di circa 5.000 abitanti e un edicolante del Comune limitrofo viene a fare le consegne al mattino ad alcuni bar e attività nel territorio comunale dove opero.
Quindi svolge attività di vendita di giornali in Comune dove non ha l'autorizzazione per farlo.
Secondo quanto mi risulta la Legge in merito è chiara: la vendita dei giornali, anche in forma ambulante e a domicilio, può essere svolta solo nell'ambito del Comune dove si ha l'autorizzazione.
Vi chiedo un parere ed eventualmente come comportarmi e segnalare la vicenda alle autorità competenti?
Grazie anticipatamente.
A.P. – Provincia di Teramo

Spostamento licenza tra Comuni diversi

Buongiorno,
da 11 anni ho la licenza di un’edicola. Vorrei sapere se questa licenza si può spostare dal Comune dove attualmente opero ad un Comune adiacente al mio.
E nel caso cosa dovrei fare per attuare questo spostamento?
Grazie mille.
F.B. – Montemarciano (Ancona)

Vendita prodotti Panini in cartoleria

Vorrei un chiarimento in merito all’attività di una cartoleria che dista 80 metri dal mio punto vendita che vende prodotti della Panini, figurine etc.
È autorizzata a farlo? Non penso.
Vi ringrazio anticipatamente per la vostra risposta.
E.T. – Cantù (Como)

Quasi 200 bar serviti a domicilio dallo stesso edicolante

Buongiorno, sono un’edicolante di Latina.
Vi segnalo quanto sta accadendo perché lo ritengo una concorrenza sleale da parte di un collega che si è inventato un metodo per sottrarre clienti a tutti noi altri rivenditori di giornali.

Sono mesi (se non anni) che quest’edicolante di Latina ha contattato dei bar (si dice che ne abbia ora come clienti quasi 200) offrendo loro un servizio a domicilio di consegna dei quotidiani.
Prima di iniziare qualsiasi azione nei suoi confronti, vorrei sapere se il suo comportamento è corretto o viola delle Leggi. 
Il Distributore Locale fa finta di niente, anche se non riesce a capire che aiutando quest’edicolante rischia di far chiudere anche quelle poche altre edicole rimaste aperte e da lui servite.
La ringrazio anticipatamente e la saluto cordialmente.
A.P. – Latina

Sospensione licenza in attesa di vendita

Buongiorno,
volevo sapere se, per motivi personali, è possibile richiedere al Comune per un anno la sospensione dell’attività.  Tra l’altro sono titolare dell′unica edicola del paese dove vivo e l’ho regolarmente acquistata, come anche il negozio dove opero, dal precedente proprietario. Decenni fa il Comune rilasciò la suddetta licenza come punto vendita esclusivo, ma nessuno è intenzionato a rilevare insieme sia licenza che negozio. Eventualmente gli unici interessati alla licenza sono i titolari di due bar, che quindi vorrebbero farlo in qualità di punto vendita non esclusivo.

Potrei vendere a uno di loro la mia licenza? Mi dicono che potrei, ma presentando una SCIA in Comune modificarla da punto vendita esclusivo a non esclusivo?
Se mi rilasciasse, invece, una sospensione temporanea, in attesa della vendita potrebbe il Comune rilasciarne un’altra per non lasciare scoperta la “piazza”?
Il punto vendita di giornali più vicino al mio paese è a 5 km di distanza, è un “non esclusivo” in un piccolo negozio di alimentari.
Grazie.
B.B. – Tuoro sul Trasimento (Perugia)

Cessione licenza

Ci siamo rivolti al Comune in cui operiamo in previsione di una cessione della nostra rivendita che si trova su suolo pubblico.
Alle nostre domande su come comportarci per l’eventuale vendita abbiamo ricevuto le seguenti risposte:

  • in caso di cessione di attività dobbiamo riconsegnare la licenza e liberare il suolo pubblico in cui operiamo;
  • lo spazio, sul quale oggi è presente la nostra edicola, sarà disponibile successivamente a chi interessato ma solo dopo un bando per la riassegnazione.

Se le cose stanno realmente cosi, significa che chi subentrerebbe alla nostra attività di edicolante non sarebbe messo in condizioni di operare immediatamente.
Non è possibile effettuare, invece,  un semplice cambio d’intestazione e il nuovo titolare, come subentrante, continuerebbe  l’attività su suolo pubblico in base al diritto acquisito?
Grazie del chiarimento.
S.F. - L’Aquila