mercoledì, 21 Ottobre 2020
Home Avvocati Astrid Dalla Rovere

Astrid Dalla Rovere

I PROFESSIONISTI
RISPONDONO

Avv. ASTRID DALLA ROVERE

Posso vendere giornali con distributore automatico nel Comune confinante al mio?

Buongiorno, vorrei chiedervi se è possibile rivendere i miei giornali anche nel comune confinante al mio, dove non è presente un’edicola, senza aprire un'altra rivendita, ma posizionando un distributore automatico di giornali. Grazie. S.G. – Pavia

Informazioni per acquistare un’edicola

Buongiorno, ho preso contatti per rilevare un'edicola in vendita nella provincia in cui abito. Una rivendita storica che opera in un negozio e che da sempre è stata esclusiva, vendendo solamente prodotti editoriali. Esistono delle tabelle specifiche come quelle per i monopoli di stato che potrei consultare per capire quali sono i prodotti e/o servizi che si potrebbero eventualmente aggiungere alla vendita dei giornali? Potrei per esempio aggiungere la vendita di libri, giocattoli, articoli di cartoleria, libri di testo o si dovrebbe variare con un altro tipo di classificazione commerciale? Cambierebbe anche il regime fiscale? Chiedo conferma riguardo agli orari di apertura e chiusura dell'esercizio, riposi settimanali e ferie. Mi sembra di aver capito che non siano più vincolati e non si debbano più concordare con il Distributore Locale (a cui si dovrebbero solo comunicare per i turni di consegna) e/o con altri edicolanti della zona? Un'ultima cosa abitando in un paese di confine tra due Provincie posso scegliere il Distributore Locale che preferisco o sono costretto ad acquisire quello che attualmente fornisce l'edicola che vorrei rilevare? Esiste un sistema informatizzato per i rapporti tra edicolante e distributore (ordini, consegne, rese..)? L’attuale titolare, non più giovanissimo, fa ancora tutto a mano con estratti conto cartacei. Grazie anticipatamente per le risposte ai miei quesiti. A.P. – Provincia di Vicenza

Sospensione fornitura causata da errore Distributore Locale durante pandemia

Buongiorno, a metà marzo ho iniziato le chiusure per pandemia, comunicavo alle varie agenzie di distribuzione locale che mi forniscono che nei giorni di sabato e domenica, essendo io in un centro commerciale, sarei dovuto restare chiuso. Ho anche allegato documentazione comprovante il fatto. Una di queste agenzie di distribuzione mi ha considerato in chiusura completa emettendo una bolla di resa totale. Ho cercato di chiarire il fatto con l’agenzia e un loro responsabile si è scusato per l’accaduto. Tutto risolto? No. Nel primo estratto conto di maggio, mi trovo addebitata la somma di circa 4500 euro. Dietro nuova richiesta di chiarimento all’agenzia mi viene risposto che la loro precedente comunicazione era stata errata e che, nel frattempo, avevo ricevuto estratti conto bassi perché i prodotti in conto deposito ritirati non erano stati conteggiati. La soluzione propostami era di pagare settimanalmente più del dovuto, così da far abbassare sempre più il totale del mio debito. Ma qualche giorno dopo vengo contattato da un’altra addetta del Distributore Locale perché l’agenzia chiedeva che tutto il debito fosse saldato immediatamente. Nel frattempo ero passato da un incasso giornaliero di 600/700 ad uno di 150/200 euro e spiegavo che stavo facendo il massimo per saldare il dovuto, chiedendo anche di pazientare perché l’errore contabile non era stato commesso da me. Risultato? Sono stato sospeso. Niente periodici, niente quotidiani, nessuna comunicazione. Ora, cosa posso fare? Sarei un po’ stanco di dover sempre pagare sulla mia pelle gli errori ed il pressappochismo del lavoro altrui. Grazie in anticipo. C.V. - Roma

Richiesta chiusura domenicale

Buongiorno, sono il titolare di un’edicola di Padova. Volevo sapere se c'è la possibilità di poter tenere chiuso per sempre il giorno di domenica. Grazie. G.A. - Padova

Trasformare l’edicola in distributore automatico di giornali e alimentari

Salve, volevo sapere se posso trasformare la mia edicola in distributore automatico di giornali e generi alimentari. Grazie D.S. – Roma

Comportamenti del Distributore Locale

Salve,
volevo chiederVi alcuni chiarimenti.
Un Distributore Locale può interrompere la fornitura di giornali all’edicolante ed eventualmente in quali circostanze può farlo? Oppure come unico mandatario per quella zona può farlo unilateralmente?
Un secondo chiarimento richiesto è quello legato alla richiesta dal Distributore di un assegno circolare, il cui importo è stabilito da lui stesso, come garanzia per i pagamenti
, altrimenti sospenderebbe le forniture all’edicola. È lecito? E, nel caso, ricevendo quest’assegno deve rilasciarmi una ricevuta o un documento?
Un’ultima domanda: se i pagamenti sono regolari, anche se il controllo tra rese e fornito è un “delirio”, l’agenzia può sospendere le forniture o è obbligata a farl
e regolarmente anche in caso di controversie?
Cordiali saluti.

L.M. – Bergamo

Concorrenza dell’apertura di un’edicola a pochi metri dalla mia

Buongiorno,
ho un problema. Sono stata danneggiata dalla concorrenza di un’altra rivendita a poca distanza dalla mia. Ho provato a intervenire chiedendo anche l’intervento di un legale, ma senza ottenere risultati e sostenendo solo spese.
Vorrei un vostro consiglio in materia come esperti del settore, prima di arrendermi e chiudere l’attività voglio provare ogni strada per tutelare la mia posizione.

Distinti saluti.
M.C. – Mestre

Come fare per inserire vendita fiori nella mia rivendita?

Buongiorno,
data la situazione di crisi attuale, nonché la consueta difficoltà di vivere con la sola vendita di quotidiani, vorrei integrare la mia edicola anche con quelle di alcune piante da fiore (al massimo 5-6).
Posso farlo? Nel caso sapere dirmi che tipo di comunicazione devo fare o che permessi richiedere?
Vi ringrazio per quanto potrete.
S.B – Roma

Astrid Dalla Rovere

Posso vendere giornali con distributore automatico nel Comune confinante al mio?

Buongiorno, vorrei chiedervi se è possibile rivendere i miei giornali anche nel comune confinante al mio, dove non è presente un’edicola, senza aprire un'altra rivendita, ma posizionando un distributore automatico di giornali. Grazie. S.G. – Pavia

Informazioni per acquistare un’edicola

Buongiorno, ho preso contatti per rilevare un'edicola in vendita nella provincia in cui abito. Una rivendita storica che opera in un negozio e che da sempre è stata esclusiva, vendendo solamente prodotti editoriali. Esistono delle tabelle specifiche come quelle per i monopoli di stato che potrei consultare per capire quali sono i prodotti e/o servizi che si potrebbero eventualmente aggiungere alla vendita dei giornali? Potrei per esempio aggiungere la vendita di libri, giocattoli, articoli di cartoleria, libri di testo o si dovrebbe variare con un altro tipo di classificazione commerciale? Cambierebbe anche il regime fiscale? Chiedo conferma riguardo agli orari di apertura e chiusura dell'esercizio, riposi settimanali e ferie. Mi sembra di aver capito che non siano più vincolati e non si debbano più concordare con il Distributore Locale (a cui si dovrebbero solo comunicare per i turni di consegna) e/o con altri edicolanti della zona? Un'ultima cosa abitando in un paese di confine tra due Provincie posso scegliere il Distributore Locale che preferisco o sono costretto ad acquisire quello che attualmente fornisce l'edicola che vorrei rilevare? Esiste un sistema informatizzato per i rapporti tra edicolante e distributore (ordini, consegne, rese..)? L’attuale titolare, non più giovanissimo, fa ancora tutto a mano con estratti conto cartacei. Grazie anticipatamente per le risposte ai miei quesiti. A.P. – Provincia di Vicenza

Sospensione fornitura causata da errore Distributore Locale durante pandemia

Buongiorno, a metà marzo ho iniziato le chiusure per pandemia, comunicavo alle varie agenzie di distribuzione locale che mi forniscono che nei giorni di sabato e domenica, essendo io in un centro commerciale, sarei dovuto restare chiuso. Ho anche allegato documentazione comprovante il fatto. Una di queste agenzie di distribuzione mi ha considerato in chiusura completa emettendo una bolla di resa totale. Ho cercato di chiarire il fatto con l’agenzia e un loro responsabile si è scusato per l’accaduto. Tutto risolto? No. Nel primo estratto conto di maggio, mi trovo addebitata la somma di circa 4500 euro. Dietro nuova richiesta di chiarimento all’agenzia mi viene risposto che la loro precedente comunicazione era stata errata e che, nel frattempo, avevo ricevuto estratti conto bassi perché i prodotti in conto deposito ritirati non erano stati conteggiati. La soluzione propostami era di pagare settimanalmente più del dovuto, così da far abbassare sempre più il totale del mio debito. Ma qualche giorno dopo vengo contattato da un’altra addetta del Distributore Locale perché l’agenzia chiedeva che tutto il debito fosse saldato immediatamente. Nel frattempo ero passato da un incasso giornaliero di 600/700 ad uno di 150/200 euro e spiegavo che stavo facendo il massimo per saldare il dovuto, chiedendo anche di pazientare perché l’errore contabile non era stato commesso da me. Risultato? Sono stato sospeso. Niente periodici, niente quotidiani, nessuna comunicazione. Ora, cosa posso fare? Sarei un po’ stanco di dover sempre pagare sulla mia pelle gli errori ed il pressappochismo del lavoro altrui. Grazie in anticipo. C.V. - Roma

Richiesta chiusura domenicale

Buongiorno, sono il titolare di un’edicola di Padova. Volevo sapere se c'è la possibilità di poter tenere chiuso per sempre il giorno di domenica. Grazie. G.A. - Padova

Trasformare l’edicola in distributore automatico di giornali e alimentari

Salve, volevo sapere se posso trasformare la mia edicola in distributore automatico di giornali e generi alimentari. Grazie D.S. – Roma

Comportamenti del Distributore Locale

Salve,
volevo chiederVi alcuni chiarimenti.
Un Distributore Locale può interrompere la fornitura di giornali all’edicolante ed eventualmente in quali circostanze può farlo? Oppure come unico mandatario per quella zona può farlo unilateralmente?
Un secondo chiarimento richiesto è quello legato alla richiesta dal Distributore di un assegno circolare, il cui importo è stabilito da lui stesso, come garanzia per i pagamenti
, altrimenti sospenderebbe le forniture all’edicola. È lecito? E, nel caso, ricevendo quest’assegno deve rilasciarmi una ricevuta o un documento?
Un’ultima domanda: se i pagamenti sono regolari, anche se il controllo tra rese e fornito è un “delirio”, l’agenzia può sospendere le forniture o è obbligata a farl
e regolarmente anche in caso di controversie?
Cordiali saluti.

L.M. – Bergamo