domenica, 25 Ottobre 2020
Home Editoriale del Presidente

Editoriale del Presidente

Resistere, resistere, resistere

I contagi da coronavirus aumentano e insieme alle scuole riaprono i reparti Covid negli ospedali. In attesa di una cura efficace e di un vaccino, l'allerta resta alta e siamo tutti chiamati alla resilienza.

Se non ora, quando?

La profonda crisi economica che ha travolto l’Italia ha dato un’ulteriore spallata alla carta stampata, già reduce da una crisi strutturale irrisolta. La conseguenza è che oggi siamo di fronte a un settore tanto più fragile e debole quanto fondamentale e insostituibile come unico e solo antidoto al dilagare delle fake news, proliferate anche durante i mesi più difficili della pandemia.

I semi del cambiamento

La Fase 3 è partita e l’Italia sta provando a tornare alla normalità. Per le edicole rimaste “in trincea” durante il lockdown la situazione resta difficile.

Investire sulle edicole

A meno di una seconda ondata di contagi, il peggio della pandemia dovrebbe essere alle nostre spalle e la Fase 2, quella della progressiva riapertura in sicurezza di molte attività, è ormai avviata.

EDITORIALI DEL PRESIDENTE

Resistere, resistere, resistere

I contagi da coronavirus aumentano e insieme alle scuole riaprono i reparti Covid negli ospedali. In attesa di una cura efficace e di un vaccino, l'allerta resta alta e siamo tutti chiamati alla resilienza.

Se non ora, quando?

La profonda crisi economica che ha travolto l’Italia ha dato un’ulteriore spallata alla carta stampata, già reduce da una crisi strutturale irrisolta. La conseguenza è che oggi siamo di fronte a un settore tanto più fragile e debole quanto fondamentale e insostituibile come unico e solo antidoto al dilagare delle fake news, proliferate anche durante i mesi più difficili della pandemia.

I semi del cambiamento

La Fase 3 è partita e l’Italia sta provando a tornare alla normalità. Per le edicole rimaste “in trincea” durante il lockdown la situazione resta difficile.

Investire sulle edicole

A meno di una seconda ondata di contagi, il peggio della pandemia dovrebbe essere alle nostre spalle e la Fase 2, quella della progressiva riapertura in sicurezza di molte attività, è ormai avviata.