lunedì, 18 Gennaio 2021
Home Editoriale del Presidente

Editoriale del Presidente

Se non ora, quando?

La profonda crisi economica che ha travolto l’Italia ha dato un’ulteriore spallata alla carta stampata, già reduce da una crisi strutturale irrisolta. La conseguenza è che oggi siamo di fronte a un settore tanto più fragile e debole quanto fondamentale e insostituibile come unico e solo antidoto al dilagare delle fake news, proliferate anche durante i mesi più difficili della pandemia.

Resistere, resistere, resistere

I contagi da coronavirus aumentano e insieme alle scuole riaprono i reparti Covid negli ospedali. In attesa di una cura efficace e di un vaccino, l'allerta resta alta e siamo tutti chiamati alla resilienza.

Se anche gli Editori vogliono edicole più moderne…

La seconda ondata di contagi ci è piombata addosso come uno tsunami. Nel giro di un paio di settimane lo scenario è drammaticamente peggiorato, in un clima sociale che si fa sempre più teso e incerto tra coprifuoco annunciati e la paura di finire in un altro lockdown.

Non lasciamo passare una crisi invano

Alla fine di un anno funesto per l’umanità intera, destinato a fare da spartiacque tra il mondo prima del Covid e il mondo dopo...

EDITORIALI DEL PRESIDENTE

Non lasciamo passare una crisi invano

Alla fine di un anno funesto per l’umanità intera, destinato a fare da spartiacque tra il mondo prima del Covid e il mondo dopo...

Se anche gli Editori vogliono edicole più moderne…

La seconda ondata di contagi ci è piombata addosso come uno tsunami. Nel giro di un paio di settimane lo scenario è drammaticamente peggiorato, in un clima sociale che si fa sempre più teso e incerto tra coprifuoco annunciati e la paura di finire in un altro lockdown.

Resistere, resistere, resistere

I contagi da coronavirus aumentano e insieme alle scuole riaprono i reparti Covid negli ospedali. In attesa di una cura efficace e di un vaccino, l'allerta resta alta e siamo tutti chiamati alla resilienza.

Se non ora, quando?

La profonda crisi economica che ha travolto l’Italia ha dato un’ulteriore spallata alla carta stampata, già reduce da una crisi strutturale irrisolta. La conseguenza è che oggi siamo di fronte a un settore tanto più fragile e debole quanto fondamentale e insostituibile come unico e solo antidoto al dilagare delle fake news, proliferate anche durante i mesi più difficili della pandemia.