lunedì, 14 Giugno 2021
Home Esperto Carlo Leopardo

Carlo Leopardo

I PROFESSIONISTI
RISPONDONO

Dott. CARLO LEOPARDO

Rinnovo concessione chiosco

Vorrei sapere se è possibile portare alla vostra attenzione una vicenda che mi è accaduta personalmente a Desenzano del Garda (Brescia), dove il Comune può portare a rovinare una famiglia come la mia, con figli piccoli, levandole la concessione di occupazione di suolo pubblico per un chiosco edicola in questo momento di pandemia, nonostante il Decreto Milleproroghe n.183 del 31/12/20. Il Comune e il sindaco non vogliono aiutarmi, malgrado quando ho acquistato il chiosco 9 anni fa l’abbia pagato “salatamente” per la posizione in cui si trova e non mi era stato detto che la concessione sarebbe scaduta nel 2021. Mi è stato comunicato, invece, ma solo nel 2015 e dietro mie continue richieste, che sarebbe stata rinnovata. Adesso, invece, con un mese di preavviso sulla scadenza, mi è stato comunicato dal Comune di togliere il chiosco e di farlo a mie spese. Non so cosa fare, non mi vengono incontro neanche in questo momento d’emergenza per la pandemia. Ho chiesto 2 anni di proroga e mi sono stati negati. Ho chiesto di spostare la struttura e neppure questo mi è stato concesso. L’amministrazione comunale non è stata trasparente con me e mi sento truffato da quelle persone che dovrebbero difendere i cittadini. Mi potete aiutare? Distinti saluti D.R. – Brescia

Cambio sistema di pagamento imposto da nuovo Distributore Locale

Ho ricevuto i moduli da presentare al Distributore Locale Terra di Lavoro subentrato a Napoli e provincia alla Diffusion Press e mi saltano subito all'occhio molte cose che non mi sembrano corrette. La più importante è che “si richiede il pagamento ESCLUSIVAMENTE con l'addebito diretto Sepa ex Rid”. Ora, da quello che capisco io, se l’estratto conto è di 1.400 euro, il Distributore in questo caso non aspetta che sia io a pagare, ma di fatto fa richiesta alla banca per prelevare i soldi sul mio conto corrente (naturalmente con la mia approvazione dopo aver consegnato e firmato il modulo richiesto presso la mia banca). Se io in quella settimana non ho guadagnato questa cifra, rischio nel giro di un mese di andare in fallimento. Un Distributore Locale può richiedere questo tipo di pagamento che non mi pare per nulla corretto? L.C.– Provincia di Napoli

Distributore ha chiuso. Devo chiedere io la restituzione della caparra versata?

Vengo a sapere a sorpresa che la Diffusion press srl che gestisce la distribuzione in Campania ha chiuso. Prima di conoscere le nuove modalità distributive mi sono chiesto, visto che alla Diffusion Press avevo dato una caparra, mi verrà restituita di spontanea volontà o devo richiederla io? Grazie. B.M. – Provincia di Napoli

Posso vendere anche online?

Ho 33 anni e sto valutando l’avvio di una attività di rivendita di giornali e riviste in Sicilia a partire da luglio 2021. Prima di procedere oltre, vorrei capire se l’attuale quadro normativo mi permetta di poter affiancare ad una quotidiana attività di rivendita anche una complementare attività on line e/o per corrispondenza. Questa eventualità  mi permetterebbe di poter effettuare vendite a privati e soggetti a distanza sia fuori regione che all’estero, raggiungendo una potenziale clientela attualmente priva di uno stabile legame culturale con la Sicilia e l’Italia. In attesa di un vostro cortese riscontro porgo cordiali saluti. D.M. – Sicilia

Posso esporre pubblicità e vendere altri prodotti rispetto a quanto fornitomi dal Distributore Locale?

Buongiorno, volevo chiedere se posso esporre nella mia rivendita manifesti pubblicitari (a pagamento) di altre attività commerciali, rilasciando regolare fattura. Ovviamente pagando regolare tassa prevista dal Comune. Vi chiedo anche se posso vendere fumetti usati e giornali d’epoca, e cos’altro, nel rispetto dalla Legge rispetto a quanto mi fornisce il Distributore Locale. L.L. – Perugia
Chiusure domenicali

Regolamento chiusura domenicale

Ho una tabaccheria come attività principale con annessa edicola e un misto tra cartoleria e giochi. A maggio saranno 20 anni di attività e per motivi familiari avrei intenzione di vendere. Dato il lavoro impegnativo, se una persona è interessata può lavorare da lunedì a sabato e tenere chiuso la domenica? Vivo in un paese di 7.000 abitanti circa e ci sono altre 4 edicole. Grazie. B.I. – Torino

Finanziamenti per rinnovo chiosco edicola

Tre anni fa ho acquistato un chiosco edicola in provincia di Lecce. Essendo questo datato e usurato, volevo sapere se esistono aiuti economici sotto forma di finanziamenti, o altro, per l’acquisto di un chiosco. Vi ringrazio anticipatamente per la risposta. P.M. - Lecce

Come si calcola l’aggio?

Mia moglie ha appena aperto una nuova edicola, ma non riusciamo a capire come calcolare l'aggio. In internet troviamo varie percentuali e non riusciamo a identificare quale sia quella esatta. E soprattutto è vero che va calcolato sul totale venduto settimanale? Cordiali saluti. A.O. –  Provincia di Milano

Differenze sulle rese

Buongiorno, parlo a nome mio e di diversi colleghi, almeno una quindicina che ho già sentito personalmente. Purtroppo tutti insieme in quest’area distributiva di Cremona abbiamo dei problemi con le rese. Anche per quelle che rendiamo a specchio, dopo averle segnalate riceviamo risposte come: “non trovato” etc. E non possiamo replicare. Come possiamo comportarci perché questa situazione per noi significa perdere soldi. Attendiamo un vostro parere in merito. L.P. – Cremona

Dopo la chiusura per Coronavirus non vengo riattivato dal Distributore Locale

Salve. Sono un’edicolante della provincia di Pescara. Ho contratto il Coronavirus nei primi giorni di marzo e ho dovuto osservare la chiusura per 21 giorni della mia edicola secondo le procedure sanitarie previste. Ho riaperto il 27 marzo e nonostante quotidiane chiamate al Distributore Locale non sono stato ancora riattivato e non ho ancora ricevuto alcun giornale da vendere. Sapete dirmi cosa devo fare per risolvere il problema? Grazie. P.M. – Provincia di Pescara

Carlo Leopardo

Vendita prodotti non editoriali

Buongiorno, volevamo chiedere un vostro parere in merito alla vendita in edicola di prodotti non editoriali (cartoleria, giocattoli, patatine, merendine, snack etc.). Alcuni colleghi sono convinti di poterlo fare lecitamente, ma intanto la polizia annonaria gli sta contestando questa condotta commerciale considerandola non lecita. P.S. – Provincia di Bari

Differenze sulle rese

Buongiorno, parlo a nome mio e di diversi colleghi, almeno una quindicina che ho già sentito personalmente. Purtroppo tutti insieme in quest’area distributiva di Cremona abbiamo dei problemi con le rese. Anche per quelle che rendiamo a specchio, dopo averle segnalate riceviamo risposte come: “non trovato” etc. E non possiamo replicare. Come possiamo comportarci perché questa situazione per noi significa perdere soldi. Attendiamo un vostro parere in merito. L.P. – Cremona

Dopo la chiusura per Coronavirus non vengo riattivato dal Distributore Locale

Salve. Sono un’edicolante della provincia di Pescara. Ho contratto il Coronavirus nei primi giorni di marzo e ho dovuto osservare la chiusura per 21 giorni della mia edicola secondo le procedure sanitarie previste. Ho riaperto il 27 marzo e nonostante quotidiane chiamate al Distributore Locale non sono stato ancora riattivato e non ho ancora ricevuto alcun giornale da vendere. Sapete dirmi cosa devo fare per risolvere il problema? Grazie. P.M. – Provincia di Pescara

Posso esporre pubblicità e vendere altri prodotti rispetto a quanto fornitomi dal Distributore Locale?

Buongiorno, volevo chiedere se posso esporre nella mia rivendita manifesti pubblicitari (a pagamento) di altre attività commerciali, rilasciando regolare fattura. Ovviamente pagando regolare tassa prevista dal Comune. Vi chiedo anche se posso vendere fumetti usati e giornali d’epoca, e cos’altro, nel rispetto dalla Legge rispetto a quanto mi fornisce il Distributore Locale. L.L. – Perugia

Contabilizzazione aggi edicola

Buongiorno, ha acquisito la contabilità di un'edicola e ho dei dubbi in merito alla contabilizzazione dell'aggio. Il Distributore Locale mi ha consegnato solo gli estratti conto settimanali in cui sono riportate le forniture, i resi e per differenza la fornitura e il totale da pagare. È corretto rilevare negli acquisti la fornitura e nei corrispettivi la fornitura aumentata della percentuale del 23,11%? L’aumento del prezzo defiscalizzato nel secondo semestre 2020 comporta un aumento di questa percentuale? S.M. – Venezia